“La nostra preghiera non può ridursi ad un'ora, la domenica; è importante avere un rapporto quotidiano con il Signore.”
“Seguire Gesù significa condividere il suo amore misericordioso per ogni essere umano”
“Per conoscere il Signore, è importante frequentarlo: ascoltarlo in silenzio davanti al Tabernacolo, accostarsi ai Sacramenti.”
“Partecipiamo troppo spesso alla globalizzazione dell´indifferenza; cerchiamo invece di vivere una solidarietà globale.”
lunedì 29 maggio 2017 - S. Massimo vescovo
Invia messaggio
San Francesco ricorro a Te per pregarti di intercedere per mio fratello per una totale guarigione e che venga liberato dal cancro che non si formino metastasi fagli sentire la presenza degli Angeli a che il Signore guidi chi opererà     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     Caro San Francesco Ti supplico aiutami affinché la mia situazione lavorativa prenda una direzione diversa; invoco il Tuo Patrocinio affinché le forze del male non prevalgano sul male che dilaga nel mio posto di lavoro. Ti prego aiutami. silvana     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     Caro San Francesco ti prego di intercedere per la famiglia di nostra figlia.Aiutali a vivere con l’amore e la fede. Grazie per il tuo amore.     •     Caro San Francesco ti prego di intercedere per nostro figlio. Attraversa un periodo molto difficile. Da che non si allontani dalla fede e che possa guardare al futuro con più fiducia e serenità. Grazie per il tuo amore.     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     Carissimo San Francesco aiuta e proteggi nostra figlio. Attraversa un momento molto difficile della sua vita e noi con lui. Ha tanto bisogno dell’amore di Dio e di non allontanarsi dalla fede. Ti prego di intercedere per lui. GRAZIE PER IL TUO AMORE.     •     Carissimo San Francesco aiuta e proteggi nostra figlia e la sua famiglia. Fai sì che lo Spirito Santo dimori nella loro casa e che la loro unione si rafforzi sempre di più . GRAZIE PER IL TUO AMORE.     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO
Chiudi
Scrivi il tuo messaggio:
Massimo 255 caratteri
Inserisci a lato questo codice di controllo:
Trattamento dei dati personali:
  Letta l’informativa Privacy qui illustrata dichiaro di voler procedere all'invio del messaggio

Bari, il giudice: “Migranti più garantiti in carcere che nel Cie”

Bari, il giudice: “Migranti più garantiti in carcere che nel Cie” Al peggio non c’è mai fine. I Cie sono più infernali di un carcere e i migranti che lì sono rinchiusi hanno meno garanzie dei detenuti. A metterlo nero su bianco è Francesco Caso, giudice della I Sezione civile del Tribunale di Bari. Lo scrive nell’ordinanza destinata a fare scuola in Italia, quella con cui ha imposto alla presidenza del Consiglio dei Ministri, al ministero dell’Interno e alla prefettura di Bari di eseguire, entro il termine perentorio di 90 giorni, i lavori necessari e indifferibili per garantire condizioni minime di rispetto dei diritti umani nel Centro di Identificazione ed Espulsione di Bari Palese. “Non è azzardato concludere che, se lo stato degli stranieri trattenuti nei Cie in vista della loro espulsione fosse stato assoggettato alla disciplina dell’ordinamento penitenziario vigente, la loro condizione sarebbe stata migliore o comunque più ‘garantita’, quanto meno sul piano formale”.

Sono le parole che squarciano il velo dell’ipocrisia che continua a imperare in materia e la dicono lunga anche su una situazione che di legittimo ha solo l’alibi che le è stato offerto. Il magistrato pugliese è chiaro: “La nostra Carta Fondamentale detta direttamente regole sul se e come le persone possono essere ristrette nella libertà personale e su come e per quali fini, una volta ristrette, debbano essere trattate”. Non solo. Il nostro ordinamento penitenziario, a livello di legislazione ordinaria, è un “sistema fortemente garantito a livello normativo, affidato da sempre alle cure dell’Amministrazione della Giustizia, sotto il diretto controllo dell’autorità giudiziaria competente”. Differenze abissali con la disciplina dei Cie: “Poche righe” per regolare una “condizione comunque limitativa della libertà personale (che attualmente può giungere fino ad almeno 18 mesi complessivamente), laddove la disciplina dei detenuti e internati è contenuta complessivamente in centinaia di articoli”.

Discrepanze profonde anche su un altro versante: del governo di questi centri è stata incaricata “del tutto un’amministrazione dello Stato, quella dell’Interno, che ormai da tempo era stata privata di qualsiasi esperienza e di strutture nel settore della ‘reclusione’ delle persone per periodi prolungati”, tant’è che la gestione dei Cie “è stata affidata (per non dire ‘subappaltata’) a soggetti privati esterni all’amministrazione statale”. Una mortificazione normativa, di fronte alla quale, tuttavia, il Tribunale di Bari decide di non avventurarsi oltre: “Ogni ipotetico incidente di legittimità costituzionale a riguardo parrebbe destinato all’insuccesso, sul duplice rilievo della limitata temporaneità (sebbene piuttosto prolungata nella durata massima) della misura del trattenimento, peraltro tuttora orientata anche alla ‘necessaria assistenza’ degli interessati, e soprattutto della diversità delle situazioni che la inducono in confronto alla ‘detenzione’ vera e propria; il che potrebbe far considerare legittimo il regime attuale, che, d’altronde, finora ha praticamente resistito a reiterate censure di incostituzionalità”.

Insomma, si alzano le mani per non rischiare una bocciatura e, forse, anche per mettere al riparo un pronunciamento che ha già di per sé una portata dirompente. Non era ancora accaduto che venisse obbligato all’intervento di messa a norma di un Cie, entro tre mesi, l’intero apparato dello Stato, trascinato in aula, attraverso lo strumento giuridico dell’azione popolare, da due avvocati, membri dell’associazione Class Action Procedimentale. “Il provvedimento per noi costituisce un’ulteriore tappa per la definitiva chiusura di una struttura carceraria extra ordinem che calpesta i valori fondamentali di tutela dei diritti umani”, dice Luigi Paccione, che accanto ad Alessio Carlucci si è costituito in giudizio “in sostituzione” del Comune e della Provincia di Bari.

Era nato per essere un “centro di permanenza temporaneo per immigrati irregolari”, il Cie pugliese, adeguato solo in parte e al centro da sempre di clamorose proteste. “Trasmoda nell’illegalità”, secondo il giudice Caso: servizi igienici insufficienti; box doccia sporchi e senza porte, in barba a qualsiasi tutela della privacy; porte blindate a chiudere ciascun modulo abitativo, tanto da limitare fortemente la libertà delle persone; finestre prive di sistemi di oscuramento; camere alloggio senza impianti di ventilazione, con temperature estive che oscillano tra i 25 e i 31 gradi; infrastrutture sportive, motorie e ludico ricreative insufficienti; nessun intervento volto alla riduzione del malessere e dello stato di sofferenza. C’è stato sì un “modesto miglioramento” rispetto al 2012, ma “la situazione presenta ancora numerosi elementi di criticità”. I 90 giorni per iniziare a rendere civile la struttura stanno già trascorrendo. E “in caso di mancata o parziale esecuzione di quanto disposto”, si legge nell’ordinanza, “tutti gli stranieri ancora trattenuti” dovranno essere “trasferiti in altri Cie”.

Data pubblicazione: 17-01-2014

Ritorna all'archivio Attualità

Acquista online

Il prodotto
'Francesco d’Assisi'
è stato aggiunto al carrello.



Il prodotto
'15 Biglietti Non lasciatevi rubare la speranza!'
è stato aggiunto al carrello.



Le vostre foto:

Puro Amore
Il mio gruppo parrocchiale
$ Fioretti di San Francesco (acquerelli miei) e dipinto sul muro ”Santa Rita” nella chiesetta della Marconcina
Carica anche tu la foto
in omaggio a San Francesco
upload

Attualità:

Yara, il presunto killer ha un nome

Sindone, le date dell’Ostensione: dal 19 aprile al 24 giugno 2015

Nasce Fiat Chrysler Automobiles doppia quotazione a New York e Milano

Reliquia di Giovanni Paolo II rubata, non si esclude satanismo

Bari, il giudice: “Migranti più garantiti in carcere che nel Cie”

Cisl: a rischio più di 200 mila lavoratori. 2 milioni di domande per la disoccupazione

Crolla l’inflazione, è ai minimi dal 2009 «Due italiani su 3 tagliano i consumi»

Nel villaggio dei pescatori uccisi “I marò? Non vogliamo vendetta”

Giù il prezzo della casa: -5,3% dal 2012

Allarme scuola, a rischio quasi due edifici su tre. Trento provincia più sicura, Roma fuori classifica

Strasburgo condanna l’Italia: è un diritto poter dare ai figli il cognome materno

Alfano chiude su unioni civili: ”Prima pensare alla famiglia”

Cancellieri: ”Entro gennaio introdurrò il reato di omicidio stradale”

Terremoto in Campania e Molise di magnitudo 4.9

Ecco tutti gli aumenti dal 1° gennaio

Taglio bollette e sconti Rc auto Governo vara Destinazione Italia

«Bergamo Gospel Fest» 200 coristi al Creberg Teatro

La protesta dei «Forconi» si allarga

Sudafrica, morto Nelson Mandela eroe della lotta contro l’apartheid

India, alle elezioni di New Delhi corre per la prima volta anche il "5 stelle" indiano

Il maltempo flagella il Centro-Sud.

Italia al gelo ma il vero allarme è "alluvione al Sud"

Mondiali 2014 - Prandelli: "Il mio modello è anche l´oratorio"

Alluvione in Sardegna, Gabrielli: criminale l´abitabilità dei seminterrati

Etna e comuni in ginocchio

Rifiuti, arriva la sanatoria della vergogna. Niente multe ai sindaci sulle discariche

Baby squillo: «Il mio corpo in vendita per avere quello che voglio»

Kennedy, 50 anni dopo Dallas non è più l´eroe tragico del sogno americano

Abu Omar, chiesta condanna a 6 anni e 8 mesi per l´ex imam

Catania - Asili nido, questione irrisolta: genitori e bambini scrivono a Gesù

Privatizzazioni, Letta annuncia piano da 12 miliardi. Sul mercato Eni e Fincantieri

Greenpeace, scarcerato Cristian d´Alessandro «Il blitz? Sì, lo rifarei»

Alluvione in Sardegna, è strage: 16 morti

Morta la scrittrice Doris Lessing

Google sarà la nostra ombra: un´app traccerà gli spostamenti degli utenti a fini commerciali

Anche a Roma si cancella Mamma e Papà

Le Mamme delle Baby Squillo

Venerdì 15 sciopero generale Fermi per quattro ore autobus, mezzi e treni

Riecco il sito razzista Stormfront Nel mirino anche Roberto Saviano, perquisizioni in tutta Italia

Disoccupazione under25 Letta: incubo nazionale

Tifone nelle Filippine, la paura per gli italiani Scatta la solidarietà internazionale

Missione compiuta, Parmitano di nuovo a Terra

Si uccide e lascia una lettera: «Colpa di una setta satanica»

E-cigarettes, Veronesi: «Non sono cancerogene, ma lo Stato rema contro»

Rissa tra clan al San Raffaele, Consulta rom scrive a Pisapia: "Serve intervento urgente"

Letta chiude il capitolo Imu "La seconda rata non si paga"