“Per conoscere il Signore, è importante frequentarlo: ascoltarlo in silenzio davanti al Tabernacolo, accostarsi ai Sacramenti.”
“Partecipiamo troppo spesso alla globalizzazione dell´indifferenza; cerchiamo invece di vivere una solidarietà globale.”
“Seguire Gesù significa condividere il suo amore misericordioso per ogni essere umano”
“La nostra preghiera non può ridursi ad un'ora, la domenica; è importante avere un rapporto quotidiano con il Signore.”
sabato 25 marzo 2017 - S. Ireneo vescovo e mart.
Invia messaggio
CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     San Francesco, intercedi per me presso il Padre, affinchè anche io possa avere una mia famiglia     •     Caro San Francesco proteggi i miei cari,soprattutto ti affido i miei figli..grazie     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     Buongiorno. volevo sapere se questo articolo può essere da appoggio e le dimensioni, se ha una propria scatola, e se disponibile 20 pz. Bassorilievo sagomato San Francesco ulivo argento € 5,90 (Iva compresa) ISBN/EAN: 1416001900352 Ma     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     CARISSIMO SANTO PROTEGGI E PREGA PER ME E I MIEI CARI. GRAZIE PER IL TUO AMORE SILVIO IENGO     •     Caro San Francesco, ti prego umilmente di aiutare nostro figlio nelle scelte che stà facendo. Stagli vicino con il tuo amore. Fà che guardi al suo futuro con fiducia e superi questi momenti così difficiliConfidiamo in te. Grazie per il tuo immenso amore.     •     Caro San Francesco, ti prego umilmente di intercedere per la nostra famiglia. Aiutaci a intraprendere la via giusta per riportare un poco di serenità nella nostra famiglia. Confidiamo in te. Grazie per il tuo immenso amore.
Chiudi
Scrivi il tuo messaggio:
Massimo 255 caratteri
Inserisci a lato questo codice di controllo:
Trattamento dei dati personali:
  Letta l’informativa Privacy qui illustrata dichiaro di voler procedere all'invio del messaggio

Baby squillo: «Il mio corpo in vendita per avere quello che voglio»

Tutti i giorni lo sfruttatore organizzava incontri tra le studentesse e i clienti. Il Riesame: madre senza scrupoli ha indotto la figlia a vendersi e a pagarle gli acquisti


Baby squillo: «Il mio corpo in vendita per avere quello che voglio» ROMA - Da una parte «due ragazze spregiudicate, libere, e determinate nel raggiungimento dei loro scopi, alla ricerca di sensazioni forti, desiderose di beni costosi e disposte a tutto pur di averle. Bisognose di soddisfare la sete di apparire grandi, di essere desiderate, di eccitare, di essere belle ed anticonformiste». Dall´altra, insieme a sfruttatori e clienti, una mamma «senza alcuno scrupolo, nemmeno per la posizione della figlia minorenne, che invece avrebbe dovuto essere tutelata». È uno scenario «di particolare squallore» quello che descrivono i giudici del Tribunale del riesame nelle motivazioni della sentenza con la quale hanno confermato il carcere per Mirko Ieni, Riccardo Sbarra e la madre di una delle due minorenni che si prostituivano in un appartamento di viale dei Parioli, e altrove.

Per la stessa vicenda altre tre persone sono a Regina Coeli: l´imprenditore Marco Galluzzo (accusato di essere assieme a Ieni il pusher delle adolescenti), Nunzio Pizzicalla (il loro sfruttatore) e Michael Mario De Quattro,ricattatore a mezzo video. Questi ultimi due non hanno fatto ricorso, mentre la posizione di Galluzzo e di Ieni per lo spaccio verrà discussa giovedì.

Parte da una frase di una delle ragazze il filo logico e giuridico teso dal presidente Franca Amadori e dai giudici a latere Maria Viscito e Marco Genna a sostegno della decisione: «Io sono disposta a fare questa cosa, perché secondo me questo è il prezzo da pagare per tutte le cose che vogliamo noi», mette a verbale la più piccola delle due (15 anni compiuti ad ottobre), riferendosi alla prostituzione. Una attività che avevano iniziato da sole e nel corso della quale hanno incontrato Ieni. La cui posizione - scrivono i giudici nelle 44 pagine di ordinanza - non è affatto ritenuta meno grave per il fatto che non sia stato lui a convincerle la prima volta: «Basta pensare che gli stessi futili motivi, quale spinta motivazionale all´esercizio della prostituzione - elemento inquietante nella vicenda in quanto chiaro sintomo della devastazione morale delle due minorenni - costituiscono espressione della immaturità delle due ragazze e della incapacità di operare scelte consapevoli».

Pur riprendendo la ricostruzione dell´avvocato difensore Raffaela Scutieri, induzione e sfruttamento a carico di Ieni non sono confutabili. «Entrambe le ragazze - continuano i giudici - lavoravano tre volte a settimana ma, da quando avevano conosciuto Ieni, lavoravano tutti i giorni». I testi di telefonate e sms allegati alle indagini raccontano di indicazioni, rimproveri, controlli sulla loro attività tali da offrire «una granitica prova indiziaria». Nessun dubbio anche sulla consapevolezza della loro età. Lo dicono la marcia indietro di alcuni clienti, l´evasività delle due ogni volta c´era da mostrare i documenti, il fatto che lo stesso Ieni, «figura chiave» dell´inchiesta, le andasse a prendere a scuola e le chiamasse le «ragazzette», tanto da avere con loro «comportamenti più protettivi» di quelli assunti con le due prostitute maggiorenni che usavano lo stesso appartamento.

Ma sarebbe sbagliato pensare a delle remore di carattere morale. Ieni, per i giudici, non solo «non ha avuto alcun scrupolo nello sfruttare minorenni a fini economici», ma neanche alcun «senso di vergogna, di autocritica, di ripensamento». E scrupoli non ne ha neppure la mamma della quindicenne, la quale «sa che la figlia con tale attività guadagna molti soldi, perché anche lei ne usufruisce», scrive il Riesame. Ancora, è lei che ha «indotto, favorito e sfruttato la prostituzione della figlia dandole precise indicazioni sulle modalità di svolgimento, facendosi pagare acquisti con il provento dell´attività. La particolare gravità della condotta della madre, la spregiudicatezza dimostrata nel violare le norme penali a fini di lucro» ne giustificano la permanenza in carcere. E quando l´altra madre la contatta per esprimerle i sospetti - da cui la denuncia che ha poi dato il via all´inchiesta - lei la liquida così: «Se non hai la prova provata vattene, altrimenti ti querelo».

Infine la posizione di Sbarra. Il commercialista rivela dalle intercettazioni «un interesse morboso» per le ragazze. Anche perché ha già dimostrato di voler cancellare le prove quando, durante una perquisizione in casa, «ha distrutto due computer, gettandoli dalla finestra, all´evidente scopo di impedire agli inquirenti di scoprire ulteriori elementi e circostanze quanto meno per lui scomodi». Un episodio sintomatico che «s´innesta in uno scenario più ampio e complesso in cui molte sono le posizioni di rilievo investigativo, ancora da individuare». Il primo capitolo può chiudersi così, in attesa del processo. Altri sono destinati ad aprirsene.

Data pubblicazione: 26-11-2013

Ritorna all'archivio Attualità

Acquista online

Il prodotto
'Theologia pauperum. Il racconto della conversione e della morte di san Francesco nel corpus delle leggende francescane'
è stato aggiunto al carrello.



Il prodotto
'Francesco incontra Francesco'
è stato aggiunto al carrello.



Le vostre foto:

amore puro
foto ricordo Agosto 2015
IL CONVENTO LA FORESTA A RIETI
Carica anche tu la foto
in omaggio a San Francesco
upload

Attualità:

Yara, il presunto killer ha un nome

Sindone, le date dell’Ostensione: dal 19 aprile al 24 giugno 2015

Nasce Fiat Chrysler Automobiles doppia quotazione a New York e Milano

Reliquia di Giovanni Paolo II rubata, non si esclude satanismo

Bari, il giudice: “Migranti più garantiti in carcere che nel Cie”

Cisl: a rischio più di 200 mila lavoratori. 2 milioni di domande per la disoccupazione

Crolla l’inflazione, è ai minimi dal 2009 «Due italiani su 3 tagliano i consumi»

Nel villaggio dei pescatori uccisi “I marò? Non vogliamo vendetta”

Giù il prezzo della casa: -5,3% dal 2012

Allarme scuola, a rischio quasi due edifici su tre. Trento provincia più sicura, Roma fuori classifica

Strasburgo condanna l’Italia: è un diritto poter dare ai figli il cognome materno

Alfano chiude su unioni civili: ”Prima pensare alla famiglia”

Cancellieri: ”Entro gennaio introdurrò il reato di omicidio stradale”

Terremoto in Campania e Molise di magnitudo 4.9

Ecco tutti gli aumenti dal 1° gennaio

Taglio bollette e sconti Rc auto Governo vara Destinazione Italia

«Bergamo Gospel Fest» 200 coristi al Creberg Teatro

La protesta dei «Forconi» si allarga

Sudafrica, morto Nelson Mandela eroe della lotta contro l’apartheid

India, alle elezioni di New Delhi corre per la prima volta anche il "5 stelle" indiano

Il maltempo flagella il Centro-Sud.

Italia al gelo ma il vero allarme è "alluvione al Sud"

Mondiali 2014 - Prandelli: "Il mio modello è anche l´oratorio"

Alluvione in Sardegna, Gabrielli: criminale l´abitabilità dei seminterrati

Etna e comuni in ginocchio

Rifiuti, arriva la sanatoria della vergogna. Niente multe ai sindaci sulle discariche

Baby squillo: «Il mio corpo in vendita per avere quello che voglio»

Kennedy, 50 anni dopo Dallas non è più l´eroe tragico del sogno americano

Abu Omar, chiesta condanna a 6 anni e 8 mesi per l´ex imam

Catania - Asili nido, questione irrisolta: genitori e bambini scrivono a Gesù

Privatizzazioni, Letta annuncia piano da 12 miliardi. Sul mercato Eni e Fincantieri

Greenpeace, scarcerato Cristian d´Alessandro «Il blitz? Sì, lo rifarei»

Alluvione in Sardegna, è strage: 16 morti

Morta la scrittrice Doris Lessing

Google sarà la nostra ombra: un´app traccerà gli spostamenti degli utenti a fini commerciali

Anche a Roma si cancella Mamma e Papà

Le Mamme delle Baby Squillo

Venerdì 15 sciopero generale Fermi per quattro ore autobus, mezzi e treni

Riecco il sito razzista Stormfront Nel mirino anche Roberto Saviano, perquisizioni in tutta Italia

Disoccupazione under25 Letta: incubo nazionale

Tifone nelle Filippine, la paura per gli italiani Scatta la solidarietà internazionale

Missione compiuta, Parmitano di nuovo a Terra

Si uccide e lascia una lettera: «Colpa di una setta satanica»

E-cigarettes, Veronesi: «Non sono cancerogene, ma lo Stato rema contro»

Rissa tra clan al San Raffaele, Consulta rom scrive a Pisapia: "Serve intervento urgente"

Letta chiude il capitolo Imu "La seconda rata non si paga"